Guida ai gironi di Champions League

del prof. Kantor


Analisi dei sorteggi di Champions League.


Con il completamento dei playoff sono state definite le quattro fasce per i sorteggi di Champions League:

Prima Fascia:  Barca (3), Bayern (2), Benfica (6), PSG (7), Juventus (9), Leicester (119), CSKA (41), Real Madrid (1)
Seconda Fascia:  Atletico (4), BVB (8), Arsenal (10), Mancity (11), Sevilla (14), Porto (16), Napoli (17), Bayer (18)
Terza Fascia:  Basel (19), Tottenham (23), Dinamo Kiev (26), Lyon (28), PSV (33), Sporting (40), Brugge (47), Borussia M. (49)
Quarta Fascia: Copenhagen (52), Celtic (54), Monaco (58), Besiktas (62), Ludogorets (81), Legia Warsaw (83), Dinamo Zagreb (84), Rostov (146)

Nella selezione delle cinque squadre del poule dei campioni le sorprese non sono mancate (ma questa è una costante di quella parte del tabellone). Spicca l’eliminazione dell’Olympiacos (23) da parte di una modestissima squadra israeliana addirittura nel terzo turno; ma in generale, e capita spesso, il ranking non è stato assolutamente rispettato. Delle prime sette squadre con ranking più alto son sopravvissute  il Celtic (54) che ha beneficiato di sorteggi molto favorevoli,   e  il Copenhagen (52);  le altre sono il Ludogorets (81), il Legia Warsaw (83) e la Dinamo Zagreb (84). Anche nel poule dei non-campioni ci sono state delle grosse sorprese (e questo è decisamente in controtendenza): sorprendente l’eliminazione del Villareal (29) da parte del Monaco (58) e ancora di più l’eliminazione al terzo turno dello Shakhtar (21) da parte dei modesti svizzerotti dello Young Boys (poi spazzati via dal Gladbach nei playoff). Ma il top delle sorprese è stata la qualificazione del Rostov (146), squadra di scarsissima tradizione anche nazionale, che ha prima eliminato l’Anderlecht (38) e poi addirittura l’Ajax (30) battendolo in modo umiliante in casa. Nonostante questo, alla fine le fasce appaiono abbastanza equilibrate; certo qualcuno potrebbe storcere il naso vedendo CSKA e Leicester in prima, ma la riforma dell’UEFA (che io approvo) aveva almeno due buone ragioni. La prima era evitare che una squadra (per esempio l’Arsenal) si tenesse in prima fascia solo in forza dei piazzamenti; la seconda era evitare che troppe squadre dello stesso paese occupassero la prima fascia. Nell’anno precedente la riforma su 8 squadre di prima fascia, 4 erano inglesi e 2 portoghesi… onestamente non un bel vedere. In seconda fascia ci sono alcune squadre forti, come è normale, e altre un po’ meno; la terza invece è molto equilibrata e la quarta presenta il Monaco e, solo per ragioni ambientali, il Besiktas come possibili insidie.


Veniamo adesso alla composizione dei gironi:

Girone A:  PSG, Arsenal, Basel, Ludogorets. Girone di normale difficoltà con due nette favorite; l’Arsenal è notoriamente una squadra di sciagurati ma in questo caso mi pare che le differenze di livello tecnico non suggeriscano altro risultato che un facile passaggio delle prime due.

Girone B:  Benfica, Napoli, Dinamo Kiev, Besiktas. Buon sorteggio per il Napoli, che evita le supersquadre del primo gruppo; tuttavia dovrà affrontare tre trasferte con notevoli difficoltà ambientali e non la vedo nettamente superiore né alla Dinamo, né al Besiktas.  Sicuramente il Napoli ha le sue chance di passare il turno, ma se la dovrà sudare.

Girone C:  Barça, Mancity, Borussia M., Celtic. Girone molto interessante, per l’incrocio Pep/Barça, ma alla fine per me abbastanza scontato. Il Celtic è una squadra ignobile e il Gladbach, sebbene interessante, non mi pare in grado di impensierire le altre due; certo l’evoluzione del Mancity del Pep andrà osservata con attenzione.

Girone D: Bayern, Atletico, PSV, Rostov.  Anche qui poco spazio oltre le prime due. Il Rostov ha già fatto un mezzo miracolo ad esserci e il PSV, sebbene squadra molto ostica, è decisamente meno attrezzata di Bayern e Atletico.

Girone E: CSKA, Bayer, Tottenham, Monaco. Questo è decisamente il girone più equilibrato, ma trovo difficile non considerare il Tottenham come prima favorita. Per la seconda piazza sarà una lotta durissima tra le altre tre ed esito a trovare un favorito. Il CSKA potrebbe avere l’inverno russo dalla sua parte, controbilanciato dalla nota sciaguratezza di squadre di quel tipo; il Bayer è buono, ma la sorpresa di questo girone potrebbe essere il Monaco.

Girone F: Real Madrid, BVB, Sporting, Legia Warsaw. Anche qui pronostico chiuso: Real e BVB passano facilmente e credo che anche lo Sporting non faccia fatica ad arrivare terzo.

Girone G: Leicester, Porto, Brugge, Copenhagen. Gran sorte qui per Ranieri, che si becca un girone abbordabilissimo con la terza e la quarta che sono decisamente deboli e la seconda che, pur eliminando una Roma inguardabile, non ha destato particolare impressione nei playoff.  Il Leicester ha una concreta possibilità di vincere il girone, cosa che, prima del sorteggio, appariva molto difficile.

Girone H: Juventus, Sevilla, Lyon, Dinamo Zagreb.  E per una volta siamo stati veramente fortunati! E bisogna esserne consci senza se e senza ma.  Perché il girone è allo stesso tempo facile, comodo (trasferte vicinissime) e interessante (perché Sevilla e Lyon son squadre che giocano e fanno giocare a calcio). La Juventus deve vincere questo girone e pure con una certa facilità; e bisogna dire subito che qualsiasi altro risultato costituirebbe una grande delusione sportiva. Per il secondo posto credo che il Sevilla alla fine prevarrà sul Lyon.


Chiudo con una osservazione di carattere generale; il sorteggio come creato dall’ UEFA è eccessivamente complesso, poco trasparente e facilmente manipolabile. Questo non vuole dire ovviamente che sia o sia mai stato addomesticato. Ma stupisce che in una competizione che muove così tanto denaro non si riesca a trovare una soluzione migliore.