Analisi degli Ottavi di Champions League

di Kantor


Analisi degli Ottavi di Champions League del 14-15 Febbraio 2017.


Ho come abitudine di scrivere la mia sugli ottavi di CL prima che si giochino; stavolta, a causa di impegni di lavoro, sono nettamente in ritardo ma almeno le partite di questi due giorni le vorrei commentare.

Real Madrid-Napoli: questa è sicuramente la partita delle quattro che sulla carta ha il pronostico più chiuso. Si incontrano la detentrice del titolo e una squadra di categoria inferiore che, nonostante l’ottima stampa di cui gode in Italia, non ha fatto vedere cose particolari quest’anno (anzi ad un osservatore neutrale appare indebolita rispetto all’anno scorso).  Se questa partita si fosse dovuta disputare qualche mese fa, sarebbe stata senza pronostico. In questo momento tuttavia il Napoli ha alcuni punti a suo favore e il principale è che il Real appare in foma abbastanza canina; inoltre il Napoli non ha nulla da perdere ed ha un gioco che potrebbe infastidire un Real pigro. Io però continuo a pensare che il Real sia strafavorito principalmente per una ragione: nel calcio (e nello sport) esistono le categorie e negli scontri diretti sono la cosa che conta di più in assoluto. Ieri sera durante il podcast ne abbiamo parlato molto e alla fine un ascoltatore ha fatto un paragone interessante dicendo: “Federer quando era il n.1 poteva anche giocare male un paio di mesi; ma se trovava un giocatore sotto il n.20 di ranking erano tre set a zero in ogni caso.”  E questa è anche la mia posizione: secondo me la differenza di categoria è tale che la condizione del Real conta fino ad un certo punto. E sarei estremamente stupito non dico se il Napoli passasse il turno ma se, nelle due partite, facesse un bella figura.

PSG-Barca:  anche qui vale la differenza di categoria, sia pure in modo minore che nella partita precedente. Io vedo sempre molte partite del PSG e quest’anno non sta entusiasmando; Unai Emery sta cercando di dare un gioco articolato ad una squadra che ha sempre puntato sulle individualità e per adesso non ha avuto molto successo. Infatti il PSG non è ampiamente in testa alla Ligue 1 come dovrebbe essere per differenza di rosa e di mezzi. Anche il Barca in questo momento non incanta, ma possiede comunque un tasso tecnico notevole e una facilità di andare in goal che il PSG si sogna. Credo che passerà il Barca.

Benfica-BVB:  questo è il primo dei quarti deboli. Il BVB ha sostituito molti suoi campioni con dei bambini; bambini dotati di enorme talento, intendiamoci, ma non proprio una garanzia di continuità. Il suo percorso in Bundesliga è stato per ora abbastanza accidentato; svanite subito le speranze di impensierire il Bayern sono adesso in lotta per il secondo posto col sorprendente RasenBallsport Leipzig.  Fortunatamente per loro hanno beccato la squadra più scarsa tra le otto possibili: il Benfica visto nel girone del Napoli è una squadra di una modestia assoluta e pure piuttosto fragile. Sta pagando, come tutte le squadre portoghesi, la fine dei fondi di investimento nel calcio,  un modello su cui le squadre portoghesi avevano costruito gran parte dei loro successi negli ultimi anni.  Anche qui il BVB dovrebbe prevalere senza molti problemi.

Bayern-Arsenal: quarto interessante perchè si affrontano una delle squadre più sciagurate d’Europa (l’Arsenal ovviamente) e una delle più quadrate che ci sono in giro. Il Bayern di quest’anno gioca piuttosto male, come tutte le squadre di Ancelotti: ma nei 24 ha la rosa migliore d’Europa per distacco e Ancelotti stesso è uno che ha dimostrato più volte che in CL sa esattamente quello che deve fare per andare avanti.  insomma, magari le partite si riveleranno più incerte del previsto, ma ho pochi dubbi  sul fatto che il Bayern sia destinato a prevalere.

Questo è tutto, ci sentiamo la settimana prossima.

Kantor

About Kantor

Detto "il prof" (sì, è davvero un prof universitario, abbiamo controllato!). Da anni battaglia col mondo nella sua rubrica "La terra dei cachi". Lotta per le proprie idee, ma non se ne innamora. Si è invece innamorato del podcast "Il Bianco e il nero".