Sul sorteggio dei quarti, e su quello che ci toccherà


In attesa di sacrificare capretti all’urna di Nyon, diverse domande serpeggiano tra la redazione di Ateralbus: chi prendereste, chi vorreste evitare, e perché?



di Andrea Lapegna


Il wet dream di 15 milioni di tifosi: Leicester. Alla fine ogni cammino vittorioso in Champions passa necessariamente per uno o più sorteggi fortunati. Ma soprattutto, vuoi mettere Fleccio come gioirebbe se fossimo proprio noi ad affossare la favola più decantata del decennio?

Se invece dovessi scegliere per lo spettacolo, direi BVB. L’anno scorso volevo incontrare Guardiola e sono stato accontentato troppo presto; questa volta sarei curioso di testare la Juventus contro Tuchel. Per pura mistica calcistica, mi piacerebbe vedere in ordine sparso: Dembélé vs Alex Sandro, Guerreiro vs Cuadrado, Weigl vs Pjanić, Aubameyang vs spazi ridotti, Bonucci vs gegenpressing e Dybala vs praterie. 

O ancora: meglio TT qui o Allegri vs Carpi?

Per la rubrica “anche no”: inappellabilmente il Barça. Non tanto per il remuntarém avveratosi manco fosse fosse venuto da Delphi, o per il grande livello tecnico. Quanto perché secondo me è ancora l’unica squadra che se non la buttano fuori gli altri ci castrerà sempre ogni velleità di vittoria. 



di Elena Chiara Mitrani

Non vorrei il Leicester, nonostante sia senza dubbio l’avversaria più facile. Non tanto perché temo che i bianconeri possano soccombere davanti alle Foxes, quanto perché qualificarsi ai quarti contro una squadra che nel proprio campionato rischia la retrocessione non permetterebbe alla Juventus di sapere qual è il suo livello rispetto a compagini europee più blasonate. Non vorrei nemmeno le famigerate Top 3: Barça, Bayern e Real, e mettiamoci pure l’Atlético, squadra oltremodo ostica e due volte finalista negli ultimi tre anni. Ma, se proprio deve essere una di queste quattro, preferirei il Real. Così, a sensazione, vorrei il Dortmund, già avversario di tante battaglie per la Juve fine anni ’90. Un quarto del genere vorrebbe dire misurarsi con una squadra di buon livello (ma, a mio parere, comunque inferiore alla Juve) e fronteggiare un attacco composto da individualità interessanti, e permetterebbe di non cadere in alcuna trappola da complesso di inferiorità senza però spingere i giocatori a fare una partita rilassata perché “tanto siamo più forti”. Inoltre, proprio la doppia sfida coi gialloneri del 2015 ha ridato alla Juve una vera coscienza del proprio valore in Europa. Scaramanticamente e per amore di una certa epica sportiva, mi piace pensare che ripassare dal (fu) Westfalenstadion possa aiutarci a rinforzare questa consapevolezza.



di Kantor

Io mi ritengo un attore razionale e la mia valutazione è che la Juventus sarebbe nettamente favorita col Leicester e favorita con BVB e Monaco; con tutte le altre invece sarebbe 50/50.  Quindi non posso che augurarmi che ci tocchi una delle tre menzionate; se così non fosse tra le quattro rimaste vorrei il Real Madrid perché mi pare che abbia una fase difensiva piuttosto arrangiata. La squadra che vorrei evitare come la peste invece è sicuramente il Bayern.

 


di Davide Terruzzi

Tolgo Atm e Bayern. Vorrei una tra Monaco, Leicester, BVB. Con le altre te le giochi. Sarebbe dura? Siamo in Champions, non alla Don Matteo Cup.


di Luca Rossi

Come per gli ottavi di finale auspicavo un abbinamento con una tra Benfica, Bayer Leverkusen e Porto, così per i quarti mi auguro che il sorteggio ci faccia affrontare la squadra meno temibile e pericolosa (almeno sulla carta). Questo identikit ovviamente corrisponde al Leicester. Vorrei evitare il Bayern Monaco perché mi sembra la squadra più completa considerando sia fase offensiva sia difensiva. La Juve però può e deve giocarsela alla pari con tutte. Senza alcun timore reverenziale. Qui lo dico e qui lo nego: secondo me prendiamo l’Atlético!


di Enry

Vorrei il Leicester e prenderemo il Leicester. Monaco, Real Madrid e Borussia Dortmund sono film già visti, il Barcellona magari in semifinale. Da evitare il Bayern Monaco e l’ Atletico Madrid. Quindi ricapitolando Leicester ai quarti, semifinale contro il Barcellona e finale contro il Bayern. Ok?


di Agnese Rumolo

È da Martedì che l’ansia da sorteggio non accenna a diminuire, purtroppo. Personalmente desidererei una gara allenante ma che permetta un (quasi) agevole passaggio del turno, per cui lunga vita al Borussia Dortmund.
Se la sorte ci dovesse assegnare una delle squadre appartenenti alla Triade Maledetta, la mia favorita è sicuramente il Real Madrid. Per quanto riguarda Leicester e Monaco, la storia ci insegna che la Juventus ha sempre fatto fatica con le piccole, per cui vorrei evitare infarti precoci alla mia età.