• Podcast,  Uncategorized

    Podcast S04 E29, (21/05/2019)

    TUTTE LE INFO DI CUI AVETE BISOGNO PER SEGUIRE IL NOSTRO PODCAST. La ventinovesima puntata del podcast è andata in onda lunedì 21 maggio ed è stata condotta come sempre dal prof. Kantor, con il plenipotenziario Antonio Corsa, e la partecipazione di Davide Terruzzi, Francesco Andrianopoli, Jacopo Azzolini ed Enry Ferrari.  Questa la scaletta della puntata: L’analisi della stagione; Possibili ragioni della separazione; La nostra idea sul futuro allenatore; Comunicazioni di servizio.

  • Approfondimenti

    Le Juventus di Allegri

    Il quinquienno di Allegri è lontano dall’essere un blocco monolitico d’ortodossia ideologica, ed assomiglia anzi più ad un prisma, che cambia colore a seconda dell’angolazione da cui lo si guarda. Con questo articolo vogliamo passare in rassegna i momenti tattici più significativi dell’ultimo lustro bianconero, che fondono colpi di genio e difficoltà dell’ultimo Allegri. 2014/2015 – Labor limae di Andrea Lapegna Quando Massimiliano Allegri prende per mano la Juventus nel luglio 2014, trova una squadra dalla forte identità tattica. La dirigenza ha messo mano alla rosa in maniera minimalistica, aggiungendo ad un gruppo ritenuto maturo e formato solamente l’acquisto di Morata e quello di Evra. Se l’eredità emotiva di Antonio…

  • Opinioni personali

    Corto Muso 3 – History alone

    Max Allegri mi mancherà. Nella mia lunga vita solo una volta sono stato una vedova di un giocatore, Zidane, e non so se Max si aggiungerà a questo mio pantheon personale. Ma sicuramente è l’allenatore la cui idea di calcio si avvicina di più alla mia, almeno al momento attuale. In un mondo in cui, per quasi tutti quelli che parlano del fenomeno, il calcio è diventato quasi solo tattica (gli adaners insomma…) io continuo a coltivare una visione diversa. Ma la freccia del tempo va in una sola direzione e Allegri non è più l’allenatore della Juventus; quindi da ora in poi bisognerà parlare di altro. Più precisamente mi…

  • Opinioni personali

    Fenomenologia di una separazione

    Quando ormai si attendeva un esito positivo dei vari vertici avuti fra società e allenatore, con un rinnovo del contratto del tecnico, la Juventus ha spiazzato molti comunicando la decisione di separarsi da Max Allegri. I motivi che hanno portato a questa decisione sono vari, a cominciare dalla questione relativa al rinnovo del contratto. Allegri era infatti legato al club bianconero da un accordo in scadenza al termine della prossima stagione. Al momento di intavolare la discussione sul come condurre la prossima campagna nazionale ed europea, il tecnico livornese avrebbe chiesto due anni di prolungamento ed un aumento dell’ingaggio che lo collocasse fra gli allenatori più pagati d’Europa. L’alternativa di restare col…

  • Opinioni personali

    Oltre Allegri

    di Alessandra Fabio Intorno alle ore 13 di venerdì 17 maggio, è stato reso noto che “Massimiliano Allegri non siederà sulla panchina della Juventus nella prossima stagione 2019/2020”. La notizia è giunta alla fine di giorni (settimane) di attesa, ipotesi e timori che, in seguito all pubblicazione della Nota della società, hanno trovato libero sfogo tra le fila della tifoseria. Si è spaziato dai post di triviale e decisamente poco opportuno festeggiamento, ai doverosi ringraziamenti. Dal terrore di disfatta, al sollievo. A circa ventiquattro ore dall’accaduto è giunto il momento di lasciar da parte le emozioni contrastanti e provare ad analizzare più lucidamente la realtà: il lavoro di Allegri durante…

  • Opinioni personali

    Corto Muso 2 – Don’t worry, be happy

    Parlare di Allegri va di moda ultimamente; ovviamente questo dipende in larga parte dal fatto che la stagione della Juve è finita e che la società, in pieno stile sabaudo, se ne fotte allegramente delle tempeste sui social e non si fa dettare l’agenda dai bloggers. Ma di gente che vuole insegnare a Rocco Siffredi come si usa il membro virile ce n’ è veramente tanta in giro, e questi per loro son momenti fantastici. Io come al solito parlerò di altro. Ogni allenatore (o forse ognuno di noi) è vittima di qualcosa: Sarri è vittima della sua cattiva educazione, Conte della sua instabilità, Spalletti delle sue paranoie. Ridendo e…

  • Opinioni personali

    La valorizzazione del parco giocatori – Il lavoro di Allegri

    A stagione conclusa e con molti interrogativi ancora senza risposta, credo sia opportuno soffermarsi su uno dei punti maggiormente divisivi, ossia sulle modalità con cui Allegri ha disposto dei giocatori in rosa. Le riflessioni sulla rosa della Juventus e la sua valorizzazione tecnica non possono tuttavia prescindere dalle parole di Allegri stesso sui giocatori che ha allenato quest’anno. L’allenatore livornese ha più volte fatto trasparire una certa insofferenza verso alcuni dei suoi elementi, incalzati anche pubblicamente e spronati nelle conferenze a dare di più – sia sotto il profilo tecnico che soprattutto su quello psicologico. Di sicuro alcuni giocatori hanno reso al di sotto delle aspettative. Ma Allegri li ha…