Sito di "cose juventine" diretto da Antonio Corsa. Potrete trovare opinioni, analisi delle partite, schede dei calciatori, approfondimenti e tributi sul mondo bianconero. Siamo presenti su Telegram con una community di 2.000+ persone e una chat redazionale ("Gold") pubblica (con Guido Vaciago di Tuttosport), abbiamo un podcast da 1.000.000+ ascolti totali e organizziamo periodicamente delle voice chat col pubblico su Telegram.

Supercoppa italiana: la preview di Juventus-Napoli

La finale di Supercoppa Italiana metterà di fronte due squadre in momenti cruciali della stagione, ma anche crucialmente diversi. Se la Juve ha visto le poche certezze sgretolarsi nella partita contro l’Inter, il Napoli ha trovato un minimo di continutà tecnica, le cui caratteristiche potrebbero mettere in difficoltà i meccanismi di Pirlo.


Qualche dato

Le due squadre che si affronteranno nella finale di Supercoppa italiana sono due squadre dal volume di gioco molto arioso, e dalla produzione offensiva marcata. Juve (2,08/gara) e Napoli (2,15/gara) sono infatti le due squadre che al momento guidano in Serie A la classifica degli xPoints, ossia un valore che esprime il rapporto tra xG prodotti e concessi agli avversari in ogni singola partita, in funzione della qualità delle conclusioni in porta effettuate. Il Napoli è anche la squadra che tira di più mentre la Juventus è solo sesta, da cui si deduce che i bianconeri riescono però a concludere da posizioni migliori ed in situazioni più favorevoli.

Non è facile prevedere quale delle due squadre in questa partità prenderà con più continuità il controllo del gioco poiché Juve e Napoli sono prima e seconda nella classifica generale del possesso palla. Infatti, con la sola eccezione della gara contro il Sassuolo, il Napoli ha avuto maggior possesso palla rispetto all’avversario in tutte le partite della Serie A 2020/2021, anche se a Bologna e nella gara di ieri contro la Fiorentina il controllo del gioco è stato equamente diviso.

Come gioca il Napoli?

Il sistema di gioco adottato finora è stato nella quasi totalità delle gare il 4231, con la sola significativa eccezione del 433 nella netta vittoria 4-0 in casa contro la Roma. La formazione tipo, in considerazione dell’assenza per infortunio di Osimhen e della recente positività al Covid di Fabian Ruiz, è la seguente:

Insigne (9) e Lozano (8) sono i migliori marcatori della squadra: se il primo ha segnato quasi 1 gol rispetto al valore atteso, per Lozano vi è identità coi valori di xG. Il capitano azzurro (3° in tutta la Serie A) ed il messicano (6°) sono anche i due giocatori maggiormente coinvolti nelle azioni che si sono concluse con un tiro in porta (xG Chain); in questa speciale classifica di squadra risulta terzo il terzino destro Di Lorenzo che vanta anche 3 assist vincenti in questo campionato ed è inoltre il primo per km percorsi in media 11.123 (dodicesimo di tutta la Serie A).

Dries Mertens e Lorenzo Insigne sono i migliori azzurri per EXpected Assist in rapporto ai 90 minuti (0,34 / 0,33) a dimostrazione della loro importanza in fase di rifinitura oltre che di finalizzazione. Va inoltre segnalato il buon rendimento di Petagna che è spesso subentrato a gara in corso e si fatto trovare pronto segnando 4 reti.

La fase di impostazione

Il Napoli effettua costantemente una costruzione dal basso 4+2, caratterizzata dalla posizione medio bassa sia dei due mediani che dei terzini; presumibilmente Gattuso sceglie questa soluzione per attirare la pressione degli avversari ed arrivare velocemente ai 4 giocatori di attacco, tutti in grado di esprimersi al meglio, per caratteristiche, in campo aperto (e attenzione perché la Juventus di campo ne concede spesso).

L’abilità della squadra nel mantenimento del possesso palla è conseguenza dell’alta qualità tecnica di molti interpreti, testimoniata anche dal dato complessivo sulla precisione dei passaggi (89%).

Nella partita contro l’Inter, Gattuso ha scelto una diversa costruzione a 3 centrali, con scambio delle posizioni di Mario Rui ed Insigne che costituiva così una soluzione in più per l’uscita sul lato sinistro del campo. In questa gara Gattuso scelse di irrobustire la coppia centrale di centrocampo con Demme al posto di Ruiz e questa dovrebbe probabilmente essere anche quella che vedremo in campo

La costruzione 4+2 ha il suo sbocco più comune sui terzini: qui il Napoli va a sviluppare delle combinazioni che coinvolgono l’attaccante esterno di parte, il quale può combinare con mediano di parte o con trequartista l’attacco alla profondità ed il movimento incontro qualora non sia possibile trovare una linea di passaggio verticale su trequartista o attaccante centrale.

Rifinitura

Conquistata la metacampo avversario, i terzini possono quindi aprirsi entrambi ad occupare l’ampiezza. In questa fase, Bakayoko ed in seconda opzione Ruiz si abbassano con la doppia funzione di appoggio per i difensori centrali e presidio della zona in copertura preventiva. Un centrocampista più dedito al contenimento come Demme dovrebbe confermare questa disposizione.

Come evidenziato anche dai dati precedenti, la rifinitura passa prevalentemente per i piedi di Insigne che rientra sul piede destro a ricercare l’inserimento dell’attaccante esterno opposto, giocata simbolo del Napoli di Sarri, oppure l’inserimento centrale di Zielinski. Anche Mertens, pur partendo dalla posizione di attaccante centrale, predilige per proprie caratteristiche l’uscita dalla difesa avversaria per partecipare alla rifinitura. Prevalentemente a partita in corso e soprattutto contro squadre chiuse nell’ultimo terzo di campo Gattuso ha inserito una prima punta, Petagna o in secondo ordine Llorente.

Pressing?

La prima pressione del Napoli sulla costruzione avversaria non ha come principale obiettivo la rapida riconquista del pallone bensì la copertura delle linee di passaggio centrali. Il dato del PPDA, ossia l’indice che misura quanti passaggi vengono concessi agli avversari prima di un’azione difensiva, si ferma a 12,60 e rispecchia questo atteggiamento, tanto che la squadra è attualmente sedicesima in Serie A. Questa tendenza caratterizza la gestione di Gattuso rispetto ai suoi predecessori, tanto che nel campionato scorso il valore crebbe da 8,73 della gestione Ancelotti fino a 12.99. Nel campionato precedente il dato generale fu 10,38 e poco inferiore a 10 nelle ultime due stagioni di Sarri.

La compattezza della squadra si evince anche dall’essere la squadra che ha subito meno gol (16) in campionato, dato che si accompagna al primo posto per xG concessi (15,91). Punto di forza della squadra è sicuramente la coppia di centrali difensivi, composta da Koulibaly e Manolas.

Il Napoli, nonostante l’alto numero di sconfitte in campionato, è tutt’ora in corsa in tutte le competizioni a cui partecipa, ed è in grado di giocare consistenti spezzoni di partita nei quali mette alle corde qualsiasi squadra della nostra Serie A. Ad onor del vero, nessuna delle sconfitte è stata conseguenza di gare nelle quali l’avversario ha avuto una migliore produzione offensiva.

La squadra di Gattuso ha complessivamente un buon approccio alle gare, avendo una differenza tra xG creati e concessi di +4,13. Sui 40 gol messi a segno, ben 20 sono stati segnati dopo il 60’ minuto, a dimostrazione di una squadra che in virtù del proprio possesso palla e della lunghezza della rosa tende a schiacciare l’avversario col passare dei minuti.

Come mettere in difficoltà il Napoli?

Nonostante i 4 punti conquistati, il Napoli in questa stagione è andato in grande sofferenza contro la Real Sociedad, affrontata in Europa League: come il Sassuolo, anche la squadra basca è riuscita ad avere nettamente maggior possesso palla in tutte e due le gare. Nella partita giocata allo stadio Diego Armando Maradona i ragazzi guidati da Manolo Alguacil hanno letteralmente dominato il primo tempo, aggredendo con successo gli azzurri sin dalla prima costruzione, senza risparmiare neanche Ospina. La capacità degli ospiti di mantenere con successo il controllo del gioco e l’efficace e fluida occupazione degli spazi, tale da mutare il 433 di base in 3142, ha costretto Zielinski ad arretrare la propria posizione in fase difensiva nella zona di centrosinistra, così da abbassare gli azzurri in un più innocuo 451. Anche grazie a questo atteggiamento, la Real Sociedad è arrivata al tiro per ben sei volte nei primi 19 minuti e, solo in virtù della straordinaria imprevedibilità del calcio, ha concluo il primo tempo in svantaggio di un gol. In questa partita, il Napoli ha avuto il peggior rapporto tra xG e xGA della stagione, -1.4.

In vista della finale potrebbe quindi essere determinante disturbare con un pressing ultra offensivo la costruzione dei partenopei anche perché un’ immediata riconquista taglierebbe fuori i quattro giocatori d’attacco. D’altra parte, se il Napoli salta efficacemente la prima pressione, possiede giocatori abilissimi in campo aperto. Un esempio è questa azione che dopo soli 50 secondi ha liberato davanti al portiere Insigne nella gara persa in casa contro lo Spezia.

Non è peregrino, anche in considerazione dei tanti incontri ravvicinati di questa anomala stagione, pensare che Gattuso opti per una fase difensiva attendista, magari dopo un’iniziale aggressione nei primissimi minuti, rivolta prevalentemente alla copertura degli spazi centrali ed eventualmente all’intercetto delle linee di passaggio. Se il possesso palla della squadra di Pirlo non sarà sufficientemente efficace, con pochi passaggi filtranti e non in grado di generare degli 1vs1(Chiesa contro Mario Rui in primis) il rischio è quello di non mettere mai in difficoltà una squadra dotata di grandissima solidità nella zona centrale (quanto successe all’Inter nella partita di San Siro).

--------------------------------------------------------------------------