Sito di "cose juventine" diretto da Antonio Corsa. Potrete trovare opinioni, analisi delle partite, schede dei calciatori, approfondimenti e tributi sul mondo bianconero. Siamo presenti su Telegram con una community di 2.000+ persone e una chat redazionale ("Gold") pubblica (con Guido Vaciago di Tuttosport), abbiamo un podcast da 1.000.000+ ascolti totali e organizziamo periodicamente delle voice chat col pubblico su Telegram.

Women al giro di boa: il bilancio del girone d’andata

Domenica è stata la giornata dei derby d’Italia: a mezzogiorno a Milano le Women hanno regolato con un sonoro 0-3 le nerazzurre, ancora lontanissime dal poter anche solo impensierire la Juventus in uno scontro diretto. Qualche ora più tardi, invece, sarà Antonio Conte a ridimensionare i bianconeri. Tracciamo quindi un primo bilancio di metà stagione delle campionesse d’inverno.


11 partite giocate, 11 vittorie. 32 gol fatti (media di 2,9 a gara, miglior attacco) e 6 subìti (media di 0,5 a gara, seconda miglior difesa dietro al Milan a quota 4). Sono questi i numeri con cui le ragazze di Rita Guarino hanno concluso il girone d’andata e blindato il primo posto in Serie A. Prima di quest’anno, l’impresa di svoltare a metà Campionato a punteggio pieno era riuscita soltanto nella stagione d’esordio, quella del 2017-2018. Ma oltre ai numeri c’è molto altro…

Il Campionato delle bianconere inizia il 22 agosto a Verona, sullo stesso campo in cui si era bruscamente interrotta, causa Covid, la stagione 2019-2020. Le marcatrici della prima vittoria sono due protagoniste assolute dell’attuale annata: Cristiana Girelli e Arianna Caruso. Con 12 reti è proprio Girelli il capocannoniere della Serie A: la bresciana ha letteralmente trascinato la Juventus a suon di gol, record (mai nessuno in Serie A aveva segnato per 6 giornate consecutive) nonché prestigiosi riconoscimenti personali (inserita da Goal tra le migliori 25 giocatrici al mondo).

Di Arianna Caruso abbiamo già parlato, ma è importante sottolineare ancora una volta come la crescita della giovane centrocampista romana sia una delle note più liete di questi primi mesi della stagione. È lei la seconda bianconera più prolifica della rosa con 5 reti.

Il cammino delle ragazze di Rita Guarino prosegue con i successi contro Empoli (senza dubbio la partita più pazza dell’andata) e San Marino e giunge così alla super-sfida contro il Milan di Maurizio Ganz. Lo scenario è di quelli che si sognano da bambine: la gara si gioca infatti, per la prima volta, alla Scala del calcio. Ed è decisa, tanto per cambiare, da Cristiana Girelli che trasforma il rigore procurato da Cernoia. La Juventus gioca un primo tempo di straordinaria intensità e qualità: calerà vistosamente nella ripresa, ma riuscirà comunque a strappare quei 3 punti che, ancora oggi, costituiscono l’unico margine di vantaggio sulle rossonere, seconde, e protagoniste anch’esse di un girone d’andata di altissimo livello.

La settimana seguente va in scena il secondo scontro diretto dell’anno, in casa contro la Fiorentina. Questa volta partita e risultato non saranno mai in discussione: 4-0, Viola che saluta presto il sogno-Scudetto e poco dopo anche il discorso-qualificazione in Champions League. Ad oggi infatti, i punti di ritardo delle ragazze di Cincotta sul secondo posto sono 13: un gap semplicemente impossibile da colmare.

La marcia della Juventus verso il titolo di campione d’inverno prosegue senza passi falsi nelle gare contro Bari, Sassuolo, Florentia e Napoli. Tutte partite che presentavano più di qualche insidia (in particolare la trasferta a San Gimignano), ma che le bianconere hanno affrontato con grande intelligenza e pazienza, aspettando il momento giusto per far male alle avversarie senza cadere nella trappola della frenesia di voler risolvere la pratica troppo presto. È questo, a mio avviso, uno degli aspetti su cui la Juventus ha mostrato di aver fatto un importante salto di qualità rispetto alle stagioni passate: sono infatti evidenti i progressi nel saper gestire meglio i momenti della partita, con maggior consapevolezza nei propri mezzi e quindi con maggiore maturità.

L’ultima partita di Campionato del 2020 è forse quella che meglio fotografa questo ulteriore step di crescita realizzato dalle bianconere: si tratta della gara casalinga contro la Roma, che si inserisce nel mezzo delle due super-sfide di Champions League contro l’Olympique Lione. A questa partita le ragazze arrivano 3 giorni dopo aver giocato il miglior match della loro storia, con un dispendio di energie fisiche e mentali senza precedenti. Guarino cambia 4/11esimi (Lundorf e Salvai per Hyryynen e Gama dietro, Rosucci per Cernoia a centrocampo e Maria Alves per Hurtig davanti) ma la musica rimane la stessa: approccio impeccabile e partita archiviata nel giro del primo tempo con la doppietta della solita Girelli e la firma di Linda Sembrant.

Il 2021 della Juventus inizia con la vittoria della seconda Supercoppa della sua storia: in una formula inedita a 4 squadre (a causa della mancata assegnazione della Coppa Italia della scorsa stagione) la Juve affronta e batte prima la Roma, in una semifinale tutt’altro che in discesa e risolta, tanto per cambiare, dal nostro bomber col 10 sulle spalle quasi allo scadere del secondo tempo supplementare, e poi la Fiorentina in finale con la doppietta di una straordinaria e ritrovata Barbara Bonansea.

Arriviamo, infine, all’ultima vittoria contro l’Inter. Una partita a onor del vero non brillantissima soprattutto nel primo tempo, in cui la Juve è stata più imprecisa del solito negli ultimi 30 metri. Nella ripresa però, complice anche un vistoso calo di prestazione da parte delle nerazzurre, si è vista tutta la differenza di qualità tra le due rose, ed in particolare Galli, Pedersen (entrambe in gol) e Bonansea sono salite in cattedra andando a prendersi 3 punti fondamentali che consentono di mantenere invariato il vantaggio sul Milan secondo.

Si conclude così il girone d’andata delle Women: in due parole, un dominio assoluto. La costante crescita delle giovani, la definitiva consacrazione delle veterane e la sensazione sempre più impellente che questa rosa sia destinata a grandi obiettivi anche fuori dai confini italiani.

Vietato abbassare la guardia però: è fondamentale arrivare a punteggio pieno alla sfida di ritorno contro il Milan, nella quale la Juventus dovrà dare lo strappo decisivo per cucirsi il quarto, straordinario, Scudetto consecutivo sul petto.

Hai trovato l'articolo ben scritto?

Se lo hai letto, clicca sulle stelle per votare.

Media voti 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessuna votazione finora. Vota per primo!

--------------------------------------------------------------------------