Corto muso (Kantor)

Corto Muso 6 – Talk is cheap2 min lettura

Io amo il mio lavoro, non farei altro nella vita. E a volte l’amore viene ricambiato, come in questa occasione. Perché grazie ai miei impegni di lavoro ho potuto evitare di unirmi alla gigantesca genuflessione che è avvenuta su tutti i media dopo la conferenza stampa del nuovo allenatore della Juventus.

La conferenza l’ho sentita per la prima volta stasera; l’ho sentita tutta, oltre un’ora, e poi con una insolita vena di masochismo sono andato anche a risentirmi alcuni passaggi. Mi sono messo lì con una finestrella di notebook aperta per appuntarmi i vari punti interessanti da commentare, ma la finestrella è rimasta tragicamente vuota. E francamente l’unica conclusione a cui posso arrivare è che i livelli di aspettativa erano talmente bassi che persino una roba tetra come quella che ho sentito ha causato un entusiasmo incontenibile.

Perché la conferenza in sé non è praticamente esistita: è stata collezione di banalità sconcertanti (grazie anche alle domande dei giornalisti in sala) con un po’ di retorica di basso livello. E non si è capito, almeno per me, né che cosa ha intenzione di fare il nuovo allenatore della Juventus, e nemmeno quale sia stato il processo che ha portato a sceglierlo. Tra l’altro abbiamo scoperto che Paratici ha un linguaggio del corpo terrificante: quando racconta una balla se ne accorgono con grande facilità al di là degli Urali. E di balle nella conferenza stampa ne ha dette diverse, una più tragica dell’altra. E a me dispiace perché Paratici è uno bravissimo a fare il suo lavoro; e magari ci porta davvero De Ligt e Pogba, come si mormora. Ma quel ruolo per non lo può ricoprire ed è controproducente costringerlo…

Ma alla fine le parole costano poco e le mie aspettative ancora meno. Mai come in questa stagione conteranno i fatti; da quelli capiremo la sostanza e la qualità del nuovo allenatore della Juventus e forse anche l’onestà intellettuale dei suoi molti cantori del presente. Sulla prima potrei anche rimanere sorpreso; sulla seconda invece temo che raccoglierò solo conferme.

Ti suggeriamo anche
Come (quasi) ogni stagione scrivo per commentare i sorteggi di CL; l'edizione di quest'anno non
Alla fine è successo; nonostante tutte le speranze, le imprecazioni, le recriminazioni e le maledizioni
In attesa che la Juventus si decida finalmente a comunicare il nome del nuovo allenatore,
Max Allegri mi mancherà. Nella mia lunga vita solo una volta sono stato una vedova
Kantor

Redattore indipendente, prof universitario, Allegriano. Da anni punge nella sua rubrica "La terra dei cachi" (ora rinominata "Corto Muso"). Ha condotto per quattro stagioni "Il Bianco e il nero" e ora conduce "Side by Side".