Opinioni personali

Questa Juventus è una big d’Europa ed è leggendaria

3 min lettura

di Davide Terruzzi

Certo che sono orgoglioso. Molto orgoglioso. Come lo ero ieri, come lo sarò a fine stagione. Mi sono svegliato con un mix di sentimenti che non saprei nemmeno come definire, ma in fondo pervade la voglia di tornare immediatamente a giocarsi le ultime di campionato e la Finale di Coppa Italia per festeggiare nuove vittorie e onorare questa Juventus.

Solamente una settimana fa questa squadra era da rivoluzionare, l’allenatore era da salutare, sì forse qualche timido ringraziamento, il ciclo terminato, magari avremmo affrontato un anno di transizione; la partita col Benevento, due gol da uno sconosciuto, sofferenza infame contro l’ultima, come segnale di una Juventus in crisi. Poi arriva la Roma con la fantastica rimonta in casa sul Barça. Ha visto come si gioca in Europa? Allegri impara da Di Francesco, lui sì che ha la mentalità europea vincente, non come te. Infine, arriva la partita di ritorno col Real, la Juve disputa una partita da big europea com’è, lo stesso era successo a Torino, sbanca il Bernabeu ma non può festeggiare e torna in Italia come un animale ferito.

Sì, la Juventus da quattro anni è una delle grandi d’Europa. Basta fare questo semplice elenco per rendersene conto: 2014-2015, Finale, persa col Barcellona di Messi, Neymar, Suarez e Iniesta; 2015-2016, eliminazione col Bayern di Guardiola ai supplementari (e gol del 3-0 regolare annullato); 2016-2017, Finale persa col Real campione in carica; 2017-2018, eliminazione col Real all’ultimo secondo (rigore non dato all’andata, rigore mooooolto dubbio a sfavore all’ultimo minuto). In questo quadriennio ci sono diverse partite da ricordare, portare sempre dentro di sé, c’è l’affermazione e il consolidamento, il raggiungimento e il mantenimento di uno status europeo, la consapevolezza di essere una grande continentale in grado di poter giocasela alla pari con tutti. Perdere con Messi e Ronaldo, perdere solamente con chi è leggermente più forte di te è la normalità, non una colpa o un crimine,

E quanto raggiunto in Europa è una parte, perché sappiamo tutti quello che la Juventus ha vinto in questi sei anni e quello che può ancora vincere tra qualche settimana. Siamo di fronte a una squadra leggendaria, che domina in Italia, e  dovremmo essere tutti solamente orgogliosi, capire di essere dei fortunati per vivere questo periodo storico. Non c’è nulla di scontato, anche se per diversi lo è, qualsiasi vittoria in Italia sembra sia la normalità, qualcosa di semplice. Non lo è, perché vincere per così tanto tempo richiede una grandissima concentrazione, una determinazione e tranquillità che non può lasciare incantati. Non basta essere più forti, lo devi dimostrare, gestendoti. La Juventus è una forza tranquilla, manifesta la propria superiorità con la consapevolezza e la serenità di poter sempre vincere, la stessa che il Real ha dimostrato a Torino.

Alcuni discorsi che si fecero dopo l’andata restano sempre validi. La differenza con gli spagnoli è principalmente Ronaldo, ma la Juventus può e deve migliorare a centrocampo, vivendo sempre la Champions come uno degli obiettivi stagionale, senza alcuna ossessione, ansia, ma con leggerezza e consapevolezza. A Torino siamo stati puniti dagli episodi, la prestazione della squadra era stata la migliore stagionale, ma semplicemente ti aveva anche detto male (a differenza dello scorso anno col Barça); a Madrid si è fatta un’altra ottima partita, questa volta ti ha detto bene, ma sei stato punito da un singolo episodio. E allora tutti dovremmo capire che la Champions non può essere programmata, non può essere l’obiettivo dell’anno, non può essere l’ossessione, l’unico metro di giudizio per applaudire o criticare la squadra e l’allenatore; vincere la Champions dipende molto dagli episodi e rifiuto fortemente l’idea che una stagione possa essere giudicata dall’alzare o meno questa coppa. Esiste un solo rimpianto in questi giorni, l’unico errore commesso dalla Juventus: aver smesso di giocare, uscire dalla partita dopo il 2 a 0 e l’espulsione di Dybala, dimenticandosi che c’era ancora molto da scrivere. Questa è l’unica lezione da portarsi dietro: restare sempre dentro la gara, tutto può succedere, specialmente in una qualificazione tra andata e ritorno.

Madrid è anche la sconfitta di quei tifosi juventini che producono rumore, che pensano di essere i migliori allenatori al mondo, sicuramente migliori d’Allegri, che deridono anche i giocatori (chissà se hanno esultato ai gol di Mandzukic), che gettano colpe sulla “mentalità perdente dei senatori che ci frena”, che parlano di gioco a caso, random, che si augurano persino di perdere per avere chissà quale guru in panchina e finalmente vedere il bel giuoco, magari qualche erede di Guardiola, dimenticandosi che lo stesso è stato eliminato da Monaco e Liverpool negli ultimi due anni ed è andato via dal Bayern proprio perché non aveva vinto in Europa nonostante gli investimenti fatti dalla società. Siete rumore, lo stesso che producono i mugugni di chi siede allo Stadium, fischia i proprio giocatori durante una partita, lascia sul 2-0. Tutto questo quotidiano fastidio non deve farci dimenticare che questa Juventus è una leggenda, dobbiamo solamente essere orgogliosi e contenti di esserne tifosi. E ora c’è solo da vincere e finalmente fare una festa grande allo Stadium e per le strade di Torino.

 

Davide Terruzzi

Allenatore di calcio nel settore giovanile. Blogger per diletto.