Opinioni personali

La Terra dei cachi 151/ Caveman2 min lettura

di Kantor


Wilmaaaaaaaa… dammi la clava!


[mks_dropcap style=”square” size=”52″ bg_color=”#F2F2F2″ txt_color=”#000000″]N[/mks_dropcap] on sono solito scandalizzarmi per le parolacce; dopotutto sono toscano e i miei conterranei hanno fatto delle espressioni colorite una sorta di DOP regionale. Ma in tempi non sospetti avevo avvertito che la natura di Maurizio Sarri lo avrebbe prima o poi portato a superare pubblicamente il limite della decenza; le avvisaglie c’erano già state con il bizzarro insulto sessista a Mancini (anche questo in perfetta sintonia con il machismo da osteria caratteristico della parte della Toscana in cui Sarri è cresciuto), ma ieri sera Sarri ha fatto un vero capolavoro. Perchè dire cose imbarazzanti proprio quando stai perdendo tutto è il sistema giusto per non farsi perdondare da una stampa che troppo spesso si è messa a tappetino nei suoi confronti.

Perchè il Sarri attuale è una creatura creata al 100% dalla stampa; io me lo ricordo, quando da modesto guru delle serie minori partecipava su Sportitalia al circo di Criscitiello (ammetto che talvolta lo guardo, apprezzo le belle donne esattamente come ogni altro maschio medio italiano). E aveva quel misto di timidezza, presunzione, rusticità e protervia tipico di quel genere di personalità.  E queste sono esattamente le componenti di una miscela esplosiva che può essere arricchita dalla piaggeria e dall’adulazione e innescata nel momento in cui i risultati reali cominciano a discostarsi dalla narrativa che è stata costruita attorno al personaggio. Perchè le persone del genere sono costituzionalmente incapaci di cogliere le differenze; Allegri è toscano tanto quanto Sarri. E a Livorno le espressioni comuni non sono certo meno colorite che nella zona di Grassina, anzi…  Ma capire la differenza tra dire una battutaccia a cena, davanti a un bicchiere di vino e sorridendo, e dire la stessa cosa a muso duro in una conferenza stampa trasmessa in TV nazionale è qualcosa che è completamente fuori delle possibilità di uno come Sarri. Perchè è un troglodita; un troglodita intelligente, dotato di grandi intuizioni calcistiche, ottimo uomo di campo e anche a suo modo umile.  Ma rimane un troglodita; e come tutti i trogloditi prima o poi è destinato ad infilarsi le dita nel naso o a ruttare in pubblico. E senza neanche rendersi conto di quello che ha fatto…

Io non so se la stampa gli perdonerà anche questa; probabilmente si, perchè alla fine c’è bisogno di uno come lui per costruire una narrativa antagonista alla Juventus, narrativa che suscita interesse e fa vendere copie. E nessuno ha mai perso soldi scommettendo sullo scarso senso etico della stampa italiana. Ma attenzione… sarà sempre peggio; e io sarò in prima fila coi popcorn a gustarmi l’ennesima farsa.

Ti suggeriamo anche
Come (quasi) ogni stagione scrivo per commentare i sorteggi di CL; l'edizione di quest'anno non
Io amo il mio lavoro, non farei altro nella vita. E a volte l'amore viene
Alla fine è successo; nonostante tutte le speranze, le imprecazioni, le recriminazioni e le maledizioni
In attesa che la Juventus si decida finalmente a comunicare il nome del nuovo allenatore,
Kantor

Redattore indipendente, prof universitario, Allegriano. Da anni punge nella sua rubrica "La terra dei cachi" (ora rinominata "Corto Muso"). Ha condotto per quattro stagioni "Il Bianco e il nero" e ora conduce "Side by Side".