• Opinioni personali

    Villar Perosa: a modest proposal

    Se dovessimo identificare il concetto che più rende unica la Juventus, e anche quello di cui gli juventini sono più fieri è senza dubbio quello di ‘famiglia’. Il legame ormai centenario alla famiglia Agnelli non si ritrova solo nella dirigenza con più membri presenti lungo la storia, ma anche nell’ambito sportivo. “Qui è diverso. Alla Juve ho trovato proprio una famiglia”, è una frase che abbiamo sentito diverse volte da parte dei giocatori bianconeri. Proprio per questo ‘valore’ di famiglia, la Juventus riesce sempre a fare le cose in modo diverso. L’inaugurazione dello Stadium fatta contro il Notts County, la presentazione di Cristiano Ronaldo a porte chiuse (perché tutti i…

  • L'uomo della Terra (Terruzzi)

    L’Uomo della Terra 2 – House of Sarri

    Finalmente, la telenovela è finita. Non proprio come avrei scritto io il finale, ma in fondo siamo appena all’inizio del nuovo progetto tecnico. La Juventus ha scelto Maurizio Sarri, una decisione che indica secondo me volontà ben precise e la solita, anche legittima e doverosa, indifferenza alle preferenze dei tifosi, perché le mosse della società devono andare oltre gli umori. Cerco di riassumere il mio pensiero nei seguenti punti: La Juventus ha esonerato Massimiliano Allegri, l’allenatore dei cinque scudetti consecutivi, delle quattro Coppa Italia e del rilancio definitivo in Europa. Lo ha fatto per mille ragioni, ma è evidente che aveva considerato chiuso il ciclo. Ritengo, e resto fermo nella…

  • Opinioni personali

    Post-Allegri: istruzioni per l’uso

    Il tema della sostituzione di Allegri da parte della dirigenza juventina sta diventando quasi uno psicodramma. Le fonti giornalistiche sono spaccate: da una parte chi vede la Juventus forte su Pep Guardiola, dall’altra chi è convinto che il nuovo mister sarà Maurizio Sarri. Lo scrivente tutto è tranne che un insider. Quindi, ve lo dico subito, se siete qui sperando che vi indichi “la via” beh, siete finiti indubbiamente nel posto sbagliato. Quello che vorrei fare con questo pezzo, semmai, è spiegare come – ovviamente a mio avviso – non potrà e non dovrà essere il nome del sostituto a sancire la bontà dell’operazione che ha portato all’allontanamento del tecnico…

  • Opinioni personali

    Fenomenologia di una separazione

    Quando ormai si attendeva un esito positivo dei vari vertici avuti fra società e allenatore, con un rinnovo del contratto del tecnico, la Juventus ha spiazzato molti comunicando la decisione di separarsi da Max Allegri. I motivi che hanno portato a questa decisione sono vari, a cominciare dalla questione relativa al rinnovo del contratto. Allegri era infatti legato al club bianconero da un accordo in scadenza al termine della prossima stagione. Al momento di intavolare la discussione sul come condurre la prossima campagna nazionale ed europea, il tecnico livornese avrebbe chiesto due anni di prolungamento ed un aumento dell’ingaggio che lo collocasse fra gli allenatori più pagati d’Europa. L’alternativa di restare col…

  • Opinioni personali

    Allegri, la crociata, la critica, gli errori, il grazie e il futuro

    No. Non parlerò di Adani e d’Allegri. Francamente lo trovo quasi un’arma di distrazione, un cazzeggio di fine campionato. Mi colpisce il fatto che il pensiero, anzi le convinzioni e i giudizi, di un opinionista televisivo vengano utilizzate da una parte della tifoseria bianconera presente sul web nella loro crociata anti-Allegri; un mio conoscente mi ha pure mandato un santino d’Adani via whatsapp, una sua foto con una dichiarazione presa dal diverbio di sabato sera e ho avuto l’impressione di trovarmi quasi di fronte a una campagna politica utilizzata dai partiti sui vari social. Penso, sinceramente, che Allegri vada profondamente rispettato e meriti un grandissimo ringraziamento per quanto fatto in…

  • Opinioni personali

    Conte o Allegri? Io voto Agnelli

    di Enry Ferrari I meriti di Conte e i suoi limiti; il lavoro d’Allegri e la sua Juventus. Un capolavoro d’Andrea Agnelli. [mks_dropcap style=”square” size=”52″ bg_color=”#F2F2F2″ txt_color=”#000000″]L[/mks_dropcap] o dico subito. Per me, come sempre, la verità sta nel mezzo. Per onestà intellettuale, bisogna sottolineare che la Juve vincente di oggi è in gran parte il frutto del lavoro di Antonio Conte, capace di riportare a Torino mentalità, spirito e cultura del lavoro; fattori che tra festini, scazzottate e un mercato a base di Amauri, Diego e Felipe Melo, la Juventus aveva smarrito, procedendo verso un processo d’interizzazione che sembrava irreversibile. L’influenza dell’ex allenatore juventino è stata più pesante del lavoro della dirigenza,…

  • Opinioni personali

    “Le Mafie sono arrivate alla Juventus”

    Lo avrete letto su tutti i giornali, specie quelli diretti da chi non sperava altro che un titolone del genere, facile facile, senza neanche dover stare lì a spiegare, giustificare o rischiare querele: “Le Mafie sono arrivate alla Juventus”. Boom. Si tratta di un virgolettato pronunciato dalla presidente Rosy Bindi durante l’audizione/bis del procuratore sportivo Pecoraro presso la Commissione antimafia del 5 aprile scorso. Tale affermazione, ovvio, ha fatto scattare subito delle inevitabili domande: “Ma cosa vuol dire ? Che la Juventus sia controllata dalla Mafia?” No. “Che faccia affari con la Mafia?” Ovviamente no. “Che Agnelli sia mafioso o abbia incontrato boss mafiosi per trattare chissà cosa con loro?” Ancora no. La frase…