• L'uomo della Terra (Terruzzi)

    L’uomo della terra 1 – Klopp, il bel gioco e il brand Juve

    Sono stato assente su Twitter per più di un mese. Quando l’ho riaperto, domenica mattina, ho letto alcuni tweet sulla Finale di Champions e mi sono ritrovato subito all’interno della solita e stancante polemica che sfocia nella dicotomia bel gioco vs risultato, come se per vincere si dovesse per forza di cose solamente giocare male. Devo dire di essere rimasto sorpreso dalle considerazioni provenienti da alcune persone che annusano l’aria della Juventus quotidianamente e mi è sembrato di vivere quel momento storico in cui qualcuno ha avvisato i giapponesi che la battaglia è finita, le armi vanno deposte, che tutto è terminato. Affermare che Klopp per vincere la Champions ha…

  • Analisi tattica

    Quarti di Champions League: Juventus-Ajax 1-2

    Ajax e Juventus erano arrivate al ritorno sulla scia di un risultato ingannevole, che non garantiva sicurezze a nessuna delle due compagini, e quindi, con un esito finale tutto da scrivere, la partita si prospettava interessante. Se l’Ajax di Ten Hag è una squadra la cui filosofia è fortemente radicata nei suoi uomini, la Juventus di Allegri rappresenta l’esatto opposto. Un’incognita pronta a mutare la propria apparenza in funzione dell’avversario; un’arma a doppio taglio che da un lato consente di incentrare il piano gara su una strategia volta alla massimizzazione di potenziali situazioni favorevoli, nascondendo lacune nell’esecuzione di un’idea di gioco indipendente, e dall’altro rischia di esporre la squadra ad…

  • Analisi tattica

    Quarti di Champions League: Ajax-Juventus 1-1

    Nei mesi invernali la Juventus ha archiviato, con successo, sia la questione campionato (la matematica del trentasettesimo dovrebbe arrivare già sabato) che la sbornia della rimonta portata all’Atlético. Dopo il sorteggio dell’urna di Nyon, la compagine bianconera ha avuto tutto il tempo necessario ed auspicabile per preparare al meglio l’importantissima sfida di Champions League contro i campioni d’Olanda dell’Ajax. Ciononostante, alcune assenze pesanti hanno finito per condizionare la formazione schierata da Massimiliano Allegri. Chiellini è capitano e leader indiscusso della difesa, ma è forse la defezione di Emre Can a condizionare di più l’assetto scelto; il tedesco era il fulcro di quell’ibrido a metà tra il 3-5-2 e il 4-4-2…

  • Approfondimenti,  Gli avversari

    La guida di Ajax-Juventus

    Che squadra è l’Ajax?di Andrea Lapegna L’urna di Nyon è stata benevola con la Juventus. Si è fatta perdonare l’accoppiamento fuori contesto degli ottavi contro l’Atlético e ci ha riservato la squadra olandese, forse vera e propria sorpresa positiva di questa Champions League. E quindi, che squadra ci troveremo davanti per i quarti di finale di Champions? L’Ajax è una squadra molto più eterogenea di quanto le facili narrazioni della cultura sprotiva mainstream non ci abbiano proposto (e non ci stiano continuando a proporre). L’Ajax è una squadra altamente organizzata, che fa della fluidità di posizioni e della riaggressioni alcuni dei suoi punti di forza. Il 4-3-3, pilastro dell’ultimo mezzo…

  • Analisi tattica

    Ottavi di Champions League: Juventus – Atlético Madrid 3-0

    LA partita è finalmente arrivata. Dopo 20 giorni in cui i più svariati stati d’animo si sono susseguiti nell’universo bianconero, Juventus e Atlético Madrid scendono in campo all’Allianz Stadium per giocare i secondi 90 minuti di questo affascinante ottavo di finale di Champions League. I Colchoneros hanno letteralmente dominato la partita di andata riuscendo a imporre, a dire il vero, senza troppa difficoltà, il piano di gioco a loro più congeniale contro una Juventus che ha invece manifestato con palmare evidenza tutti gli equivoci tattici, tecnici e psicologici accumulati nei mesi precedenti. Entrambe le squadre arrivano a questo appuntamento consapevoli che la Champions League rimane l’unico trofeo in cui potersi…

  • Analisi tattica

    Ottavi di Champions League: Atlético Madrid – Juventus 2-0

    Nonostante fosse probabilmente l’ottavo più affascinante del lotto Champions, le due squadre affrontatesi ieri la Wanda Metropolitano non sono arrivate nella loro forma più smagliante. La Juventus, rullo compressore in Serie A, aveva dato segnali di scricchiolio nella tenuta atletica prima (Chievo e Lazio), e mentale e tattica poi (Atalanta e Parma). Allegri si presentava così a Madrid con i dubbi mai risolti di una circolazione bassa deficitaria, di un centrocampo che offuscava i propri limiti tecnici con polmoni da fondisti, e di una fase offensiva senza un canovaccio definito. Simeone dal canto suo doveva dimostrare che, dopo un mercato estivo che aveva soddisfatto le esigenze della rosa, l’Atlético è…

  • Approfondimenti,  Gli avversari

    Le avversarie di Champions – Speciale ottavi

    In questo pezzo raccogliamo mini-analisi delle sei possibili avversarie di Champions League. E poi vi facciamo scegliere la migliore. Ajax di Andrea Lapegna L’Ajax non approdava agli ottavi di Champions League dal 2005. La squadra di Koster ha però staccato il biglietto con pieno merito, in un girone complicato per avversarie e calendario e in cui in pochi avrebbero scommesso sul loro passaggio (il sottoscritto lo ha fatto). L’Ajax visto in Champions League ha i crismi dei giovanissimi, un po’ scalmanati un po’ talentuosi, tra cui spiccano i diamanti Frankie de Jong e Matthjis de Ligt. Koster ha impostato un ottimo pressing e contropressing e una fase di attacco con…