Sito di "cose juventine" diretto da Antonio Corsa. Potrete trovare opinioni, analisi delle partite, schede dei calciatori, approfondimenti e tributi sul mondo bianconero. Siamo presenti su Telegram con una community di 2.000+ persone e una chat redazionale ("Gold") pubblica (con Guido Vaciago di Tuttosport), abbiamo un podcast da 1.000.000+ ascolti totali e organizziamo periodicamente delle voice chat col pubblico su Telegram.

La coppia Ronaldo – Mandžukić

L’arrivo di Ronaldo permette alla Juve non soltanto di poter avere a disposizione un fuoriclasse ma anche di poterlo utilizzare all’interno di diverse combinazioni tattiche. Una di queste la si è vista durante la partita d’esordio del portoghese, contro il Chievo. Infatti, a partire dal momento in cui è entrato Mandžukić al posto di Douglas Costa, Ronaldo ha mutato la sua posizione iniziale da centravanti puro per andare a ricoprire quella di esterno sinistro. La conseguenza è stata che il portoghese ha toccato più palloni o, forse, che la Juventus si è appoggiata maggiormente su di lui, riuscendo a coinvolgerlo di più nella fase d’attacco.

Anche se la stagione è appena iniziata e se l’amalgama fra la Juve e Ronaldo dovrà costruirsi nel tempo, l’accoppiata fra il croato ed il portoghese offre a Massimiliano Allegri una ulteriore soluzione tattica. I due sono in grado di scambiarsi la posizione, agendo alternativamente come centravanti o come seconda punta spostata a sinistra. In questo modo verrebbe a ricrearsi una accoppiata simile a quella costituita per anni a Madrid da Ronaldo insieme a Karim Benzema.

Mandžukić è largo a sinistra, e Ronaldo prende la posizione di attaccante centrale

Con il portoghese largo a sinistra o, ancora meglio, nel mezzo spazio sinistro, sarebbe Mandžukić ad occupare lo slot da numero 9, mentre Ronaldo potrebbe combinare con i compagni in sovrapposizione sull’esterno. Questo è esattamente quello che è avvenuto contro il Chievo con Alex Sandro che è risultato il giocatore dal quale il portoghese ha ricevuto più palloni (10).

Un esempio di Ronaldo a sinistra, col croato in posizione di punta

Con Ronaldo centravanti, invece, sarebbe il vice-campione del mondo ad occupare lo spazio più vicino alla porta, agendo nella posizione a lui più gradita. La coppia formata da Mandžukić e Ronaldo potrebbe essere così impiegata all’interno di un 4-4-2 con Douglas Costa e Cuadrado sugli esterni e il sacrificio di Dybala. Oppure, volendo salvaguardare la titolarità dell’argentino, Allegri potrebbe optare per un 4-3-3, rinunciando a Douglas Costa e Cuadrado per utilizzare invece il portoghese e l’argentino come esterni pronti a tagliare nei rispettivi mezzi spazi a supporto di Mandžukić e col croato pronto a scambiarsi di ruolo con Ronaldo. La seconda soluzione, oltre a potersi meglio accomodare con la presenza in campo di Dybala dal primo minuto, avrebbe il vantaggio di coprire le spalle al tridente offensivo con un centrocampo a tre che permetterebbe alla Juventus, fra le altre cose, di gestire meglio le transizioni difensive.

Hai trovato l'articolo ben scritto?

Se lo hai letto, clicca sulle stelle per votare.

Media voti 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessuna votazione finora. Vota per primo!

--------------------------------------------------------------------------

Classe 1978, prof. di storia e filosofia, scrive anche per Il Nuovo Calcio. È autore di diversi libri ed articoli di tattica, non necessariamente sulla Juventus. Match analyst certificato Sics. Lo trovate anche su lagabbiadiorrico.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.