• Opinioni personali

    La rivoluzione è giovane

    Dopo la sconfitta subita all’Olimpico contro la Lazio, da più parti si sono levate critiche nei confronti della Juve (in alcuni casi si è trattato di veri e propri de profundis) e del suo allenatore, reo secondo molti di aver mandato in confusione la squadra senza essere riuscito a portare a compimento la rivoluzione annunciata in estate. È proprio così? Sarri si è trasformato in Maifredi? In realtà, è necessario fare delle precisazioni di merito, rispetto a queste affermazioni. Tempo Per prima cosa, siamo ancora a dicembre. Se spesso alle squadre viene dato il beneficio dell’attesa fino ai mesi primaverili, questo dev’essere ancor più valido per la Juventus ha cambiato…

  • Opinioni personali

    Tanto di Cap(p)ello

    Quindi. 28 tiri totali, 7 in porta, 85% del gioco sviluppato fra zona centrale e metà campo avversaria, 2.27 xG generati contro 0.65 concessi…questi i numeri prodotti dalla Juventus nella sfida contro il Lokomotiv Mosca. Eppure c’è chi dice di non aver visto queste occasioni create, di avere invece notato una Juve peggiorata sul piano del gioco e incapace di imporre la propria superiorità sui più modesti avversari. Una partita, si sa, può essere letta in vari modi. Anche i numeri, a volte, dicono quello che noi vogliamo farli dire. Ci sono però dei fatti oggettivi, espressi in numeri, che non possono essere travisati. Questo, appunto, è quello che è…

  • Approfondimenti

    La Juventus è tornata allegriana?

    Molto è stato detto in questo primo mese di stagione della Juventus di Sarri. In particolare, diversi critici (media e tifosi) hanno puntato il dito, per così dire, sul fatto che la versione bianconera proposta dall’ex tecnico di Napoli e Chelsea sia molto più simile alla Juve di Allegri che non alle squadre con le quali Sarri ha stupito un po’ tutti, prima in Italia e poi anche in Europa. Tuttavia, se guardiamo da vicino la nuova Juventus che sta crescendo, non possiamo fare a meno di notare come già vi siano alcune fondamentali differenze con quella proposta da Allegri nelle precedenti cinque stagioni. Ne elenchiamo alcuni. Pjanic Le statistiche…

  • Approfondimenti

    Sarri, la conferenza e gli errori senza palla

    Durante la conferenza stampa tenuta alla vigilia della partita col Brescia, Maurizio Sarri ha toccato alcuni temi interessanti inerenti la fase difensiva dei bianconeri. Prendendo spunto dalle recenti difficoltà incontrate contro il Verona, l’allenatore juventino ha sottolineato come «dal punto di vista tattico, soprattutto con le squadre che hanno i quinti così larghi, la lunghezza per noi diventa importante e si corre il rischio di aprire troppo i terzi di centrocampo e diventa problematico». Continua: «Soprattutto quando le squadre escono con tre difensori serve qualcosa in più in pressione alta per bloccare sul nascere l’azione degli avversari: stasera non l’abbiamo fatto bene e lì allungandoci finiamo in difficoltà». E ancora:…

  • Approfondimenti

    Rimesse corte – Nuova regola e applicazioni pratiche

    La nuova norma Ifab che regolamenta le rimesse dal fondo e consente alla squadra che gioca il pallone di poter schierare propri giocatori all’interno dell’area di rigore, oltre a creare qualche problema alle squadre che vorranno andare ad effettuare un pressing ultra-offensivo (i giocatori della squadra in non possesso dovranno infatti ancora restare fuori degli ultimi sedici metri) dovrebbe favorire la ricerca della costruzione dal basso da parte della squadra in possesso. Chi fa della salita da dietro del pallone uno dei cardini della propria fase offensiva avrà quindi un incentivo in più per accentuare questo aspetto del proprio gioco. Fra le squadre che stanno lavorando per sfruttare al meglio questa…

  • Approfondimenti

    Cosa ci hanno detto le prime due amichevoli della Juve

    Premesso che si tratta soltanto di amichevoli estive (‹‹sono partite che lasciano il tempo che trovano›› come ha detto lo stesso Sarri), le prime due uscite stagionali della Juve, contro Tottenham e Inter, hanno comunque dato delle indicazioni di massima sul lavoro fin qui svolto e su quello che resta ancora da fare da parte del nuovo staff tecnico bianconero. Infatti, contro i nerazzurri, così come nella precedente partita con gli Spurs, la Juventus ha cercato di fare la partita, utilizzando il possesso palla per cercare di disarticolare il sistema difensivo avversario. Data la condizione atletica, ovviamente non al meglio in questo periodo, la compagine bianconera non è riuscita a proporre…

  • Approfondimenti

    Chi è Adrien Rabiot?

    L’arrivo di Adrien Rabiot incrementa il numero di centrocampisti centrali adisposizione di Sarri. Ora, il neotecnico bianconero avrà a disposizione, oltre al francese, anche Pjanic, Bentancur, Khedira, Matuidi, Ramsey e Bernardeschi, qualora Sarri decida di impiegare l’ex viola da mezzala.Un reparto ben nutrito (al netto di eventuali nuovi arrivi o partenze), utile per lo sviluppo del Sarri-ball, indipendentemente dal modulo/i che l’allenatore toscano andrà ad utilizzare. Con Sarri che dovrebbe comunque riproporre una base 4+3, l’ex Psg andrebbe ad occupare la posizione di interno di centrocampo. Infatti, Rabiot è naturalmente un relayeur, termine col quale i francesi indicano quei centrocampisti in grado di giocare in entrambe le metà campo. Il…