Michele Tossani

Cosa ci dice la tesi di Pirlo?

Il Settore Tecnico della Figc ha pubblicato la tesi con la quale Andrea Pirlo ha completato il proprio percorso formativo da tecnico, ottenendo la qualifica UEFA Pro (il livello massimo per gli allenatori europei) a Coverciano. Lo scritto elabora le idee del neo tecnico juventino e offre uno spunto per interpretare le prime partite della Juventus. La tesi del neo-tecnico della Juventus elabora – a partire dall’analisi del contesto internazionale...

Continue reading...

Le pene di Sarri

E così, il legame fra la Juventus e Maurizio Sarri è durato una sola stagione. Un matrimonio che, alla fine, si è rivelato impossibile. Impossibile perché il tecnico toscano non si è abituato all’ambiente sabaudo e perché quest’ultimo, alla fine, lo ha rigettato. Come è stato scritto, la storia di Sarri alla Juve ora, più che quella di Maifredi, ricorderà la vicenda di Brian Clough al Leeds United, durata appena 44 giorni....

Continue reading...

Come stanno le nostre mezzali?

Il confronto fra Juventus e Lazio ha detto cose interessanti dal punto di vista tattico. Da parte biancoceleste, gli spunti degni di nota sono venuti dalle decisioni di Simone Inzaghi di schierare Djavan Anderson titolare da quinto a sinistra preferendolo a Jordan Lukaku (escluso per motivi disciplinari) e di utilizzare Acerbi non al centro della difesa ma da braccetto sinistro, con Luiz Felipe al suo posto.Quest’ultima una scelta che potrebbe essere...

Continue reading...

A che punto è il pressing?

La vittoriosa trasferta contro il Genoa (1-3) ha messo in mostra una buona Juve, sia sul piano offensivo che su quello difensivo. Proprio in non possesso, la prova dei bianconeri (al di là del gol concesso, che ha interrotto la striscia di partite consecutive senza subire reti) è stata promettente e ha segnato probabilmente una delle migliori prestazioni della squadra di Sarri in fase difensiva. Questo non tanto sul piano...

Continue reading...

Due parole su Bernardeschi

La vittoria col Bologna ha riportato serenità, probabilmente più ‘intorno’ che all’interno di un ambiente Juve che non aveva mostrato crepe evidenti. Ma ha anche messo in mostra l’ottima prova fornita da Federico Bernardeschi. Schierato da esterno destro d’attacco, il carrarese ha potuto mettersi in mostra in n contesto congeniale. Ad agevolare la prestazione dell’esterno azzurro sono accorsi infatti una serie di fattori che hanno contribuito all’ex giocatore della Fiorentina...

Continue reading...