di Antonio Corsa

Corto Muso 14 – What next?

Sono passati tre mesi e mezzo dal mio ultimo corsivo; sono stati mesi difficili per tutti, credo che anche i meno sensibili siano stati colpiti dall’ondata di dolore che ci ha travolti. Io sono stato bene, nessuna tra le persone che conosco è stato coinvolto; anche mia figlia, che fa il pericolosissimo mestiere di infermiera, se l’è cavata senza danni. E adesso si ricomincia; e si ricomincia male. In pochi...

Continue reading...

Cosa è mancato alla fase di possesso contro il Milan?

In conferenza stampa Sarri ha parlato di una delle migliori Juve di quest’anno nei primi trenta minuti. In effetti, per una buona ora la fase di possesso è stata ben gestita, ma nonostante i 26 tiri la mole di gioco sviluppata non si è tramutata in un adeguato numero di chiare occasioni da gol. L’attacco della profondità e le scelte non sono state impeccabili. Il ritorno al calcio giocato dopo...

Continue reading...

Cosa ci ha detto Juventus-Milan?

La Juventus si qualifica alla finale di Coppa Italia con il minimo sindacale e dopo un primo, ottimo, terzo di gara, tira i remi in barca.  La Juventus non riesce ad avere la meglio di un Milan ampiamente rimaneggiato e in 10 dal 17’, ma ha offerto comunque delle indicazioni significative circa lo stato della squadra. Dal modulo scelto, all’interpretazione dei singoli, al contributo dei subentranti, la prima partita ha...

Continue reading...

Cos’è successo alle Juventus Women?

Anche il calcio femminile ha alzato bandiera bianca e ha chiuso anzitempo la sua stagione senza eleggere la sua regina. Fiorentina in champions con la Juve, Tavagnacco ed Orobica in B gli unici verdetti presi mentre giorno dopo giorno serpeggia nell’ambiente la delusione della mancata ripartenza e la sensazione di aver perso una grande occasione. “…Siamo ad un bivio ma nei momenti di crisi ci sono anche grandi possibilità.” Così...

Continue reading...

Istruzioni per un calcio diverso

A febbraio, abbiamo cominciato a seguire la situazione nazionale con un po’ di apprensione. A marzo, abbiamo tirato i remi in barca, perché il tutto era molto più grande di Ateralbus, del calcio, dello sport. Ad aprile abbiamo cominciato a pensare alla seconda fase, quella di riapertura, quella dello sguardo ottimistico al futuro. A maggio abbiamo capito che si sarebbe probabilmente ripreso, che avremmo ricominciato anche noi a parlare di...

Continue reading...