Focus

Questione di fiducia

Le cattive prestazioni dipendono da un numero significativo di cause, ma dobbiamo ricordarci che i calciatori sono esseri umani e, dunque, certi meccanismi vanno tenuti in debita considerazione. Le impressioni che si lascia dietro la Juventus di febbraio non sono positive. Le tre trasferte di Napoli, Verona e Milano (ma anche la vittoria interna col Brescia) hanno fatto cadere le braccia anche al più ottimistico dei tifosi, ed ogni partita...

Continue reading...

Pjanić è ancora un equivoco

Miralem Pjanić non sta più offrendo prestazioni all’altezza e c’è chi vedrebbe bene un cambio di ruolo per lui. Ma non è facile operare cambiamenti così profondi a questo punto della stagione.  Un anno e mezzo fa scrissi un articolo dalla notevole risonanza, che si chiedeva come mai Pjanić fosse stato spostato stabilmente nel ruolo di mediano nonostante non collimasse perfettamente con le caratteristiche del giocatore. Andavo in tal modo...

Continue reading...

Sarri è un buon motivatore?

Il ruolo dell’allenatore nel motivare lo spogliatoio non è quello del leader combattente Dopo la dolorosa sconfitta di sabato è ripartito il solito processo mediatico contro l’allenatore. Ormai dovremmo essere abituati, è una sorte che ha subito Allegri e ora tocca Sarri. È la pancia piena, anni di titoli e vittorie hanno reso tutto scontato, quasi automatico e dovuto. Questo però, non significa che la Juventus non abbia problemi o che...

Continue reading...

Che contributo sta dando Higuaín?

Higuaín, dopo l’annata estremamente deludente e negativa trascorsa tra Milan e Chelsea, sta tentando, grazie a un allenatore che lo conosce molto bene, di riaffermarsi ad alto livello con la maglia bianconera che tanto ha voluto e dalla quale ha sofferto psicologicamente l’allontanamento. Si tratta però di un giocatore troppo diverso da quello acquistato nel 2016. Inutile girarci attorno: da scarto nell’estate del 2018 Higuaín è divenuto un semi-titolare in...

Continue reading...

Dov’è finito il tifo dello Stadium?

La nostra casa è diventata molto silenziosa, ed è forse un simbolo dei tempi che cambiano. Domenica scorsa, prima di essere invasa dai tweet sanremesi, sulla mia timeline è apparso un video che in questi giorni ho rivisto almeno una decina di volte. Le immagini mostrano Neven Subotić – dieci anni nel Borussia Dortmund, ora in forza all’Union Berlin – mentre viene celebrato dai venticinquemila della Südtribüne del Westfalenstadion. Poche...

Continue reading...