di Antonio Corsa

Quanto accaduto a Greta Beccaglia porti a riflessioni, oltre che a condanne

Partirei prima dal reato. Si chiama “reato”, non “fatto increscioso”, “incidente”, “episodio incivile” o quant’altro. Se “molestia” o “violenza sessuale” lo stabilirà un giudice, per ora diamo per scontata la molestia. Ciò che è accaduto domenica sera alla giornalista Greta Beccaglia di Toscana TV non solo è da perseguire a norma di legge (e infatti c’è un’indagine in corso), ma è un esempio di scuola di come non si possa...

Continue reading...

Sulle plusvalenze “gonfiate” dalla Juve

di Antonio Santini Una nuova bomba giudiziaria è deflagrata nelle scorse ore in casa bianconera: la Procura di Torino, nell’ambito di un’indagine iniziata lo scorso maggio e denominata PRISMA, ha dato mandato alla Guardia di Finanza di acquisire documenti nella sede della Juventus in relazione a tre anni di operazioni di mercato. Tra gli illeciti ipotizzati, falso in bilancio e false fatturazioni. Ad essere indagati, oltre alla società, vi sono...

Continue reading...

Una Juventus fuori ruolo

I problemi della Juventus sono, ad oggi, tanti. Eppure, c’è un trend che mi è balzato velocemente agli occhi, che a questo punto della stagione è difficile non mettere a fuoco. Oggi molti giocatori della Juventus giocano fuori ruolo.  Banalmente, a molti componenti della rosa vengono chieste mansioni che non sono in grado di svolgere – o perché non opportunamente guidati, o perché ben al di là delle loro caratteristiche...

Continue reading...

A Madrid non c’era il mare

Una ruleta oltre il tempo Un paio d’anni fa, quando per Rivista Undici scrissi questo pezzo sulle signature moves più iconiche della storia del calcio, lessi un vecchio articolo del 2004 su Repubblica in cui Maurizio Crosetti scriveva che siccome la moglie di Zinedine Zidane si chiamava Veronique allora era come dire «che Zizou ha sposato un dribbling». Un’espressione che trovai – e trovo tutt’ora – molto evocativa, perfettamente aderente...

Continue reading...

Salvate il soldato Kulusevski

Me lo avete chiesto in chat, ed eccolo. Visto che sembra sempre più escluso dai progetti tecnici bianconeri, e visto che si fa ormai fatica a trovarne sostenitori entusiasti del suo acquisto, una carrellata per ricordarci perché un giocatore come Kulusevski meriti di essere “salvato”. C’è un momento preciso in cui mi sono innamorato di lui. L’84° di Atalanta-Inter, finale del Campionato Primavera 2019. Stavo guardando la gara in tv...

Continue reading...