• Approfondimenti

    La Juventus di Simone Inzaghi

    In questi giorni sui giornali e sul web si sono letti numerosi nomi di possibili successori di Allegri per la panchina della Juventus: dai top, Klopp e Guardiola, passando per Sarri e Conte, Mourinho e Pochettino fino agli insospettabili Gasperini e Mihajlović. Uno dei nomi più rincorrenti è però quello di Simone Inzaghi che pare essere giunto al termine della sua avventura triennale sulla panchina della Lazio. Con i biancocelesti il tecnico piacentino ha sempre portato la squadra, seppur per vie diverse, alla qualificazione in Europa League mentre non ha mai centrato il quarto posto valido per la Champions League. Pesano sensibilmente sul piatto positivo della bilancia i due trofei…

  • Opinioni personali

    AA 2018/19 Serie A Awards

    Abbiamo deciso anche noi, come la Lega Serie A, di assegnare da quest’anno i premi stagionali firmati AterAlbus per il campionato appena concluso. Di seguito i risultati con i “premiati” con, in rosa, quelli del campionato femminile della nostra Roberta Sacco. And the winners are: Miglior portiere: Sirigu (Torino)Miglior difensore: Koulibaly (Napoli)Migliore centrocampista: Ruiz (Napoli)Miglior attaccante: Quagliarella (Sampdoria)MVP del torneo: Ilicic (Atalanta)Miglior U21: Zaniolo (Roma)Miglior allenatore: GasperiniSquadra rivelazione: AtalantaSquadra delusione: RomaGiocatore delusione: Icardi (Inter) Miglior portiere: Ohrstrom (Fiorentina)Miglior difensore: Salvai (Juventus)Migliore centrocampista: Cernoia (Juventus)Miglior attaccante: Giacinti (Milan)MVP del torneo: Pedersen (Juventus)Miglior U21: Serturini (Roma)Miglior allenatrice: Guarino (Juventus)Squadra rivelazione: FlorentiaSquadra delusione: Hellas VeronaGiocatrice delusione: Piemonte (Roma) Qui di seguito come si…

  • Approfondimenti

    La Juventus di Sarri

    Guardiola? Klopp? Pochettino? Sarri? Simone Inzaghi? Mihajlovic? Il nodo relativo alla scelta della prossima guida tecnica della Juventus, dopo il quinquennio vincente con Max Allegri, non è ancora stato sciolto. I nomi usciti sui media tradizionali e sul web sono quasi tutti intriganti. Al netto di Guardiola, intorno al quale si sta svolgendo una vera e propria battaglia mediatica, il nome più intrigante del lotto ci sembra essere quello di Sarri. Il grande nemico (ex?) durante l’epoca del suo passaggio al Napoli potrebbe così trovare una nuova casa a Torino, sponda bianconera. Reduce da una stagione positiva col Chelsea (qualificazione alla prossima Champions centrata e finale di Europa league conquistata),…

  • Senzamanette (Corsa)

    Senzamanette 1 – La guerra attorno a Guardiola

    Quella che si sta scatenando attorno a Guardiola è una vera e propria guerra sulla quale sarà carino tornare alla conclusione della vicenda. La riassumo: da un lato ci sono soprattutto la stampa sportiva tradizionale e Sky che negano il raggiungimento di un accordo (es. Tuttosport) e in alcuni casi addirittura l’esistenza stessa di un interessamento Juve per il tecnico catalano (o meglio: del tecnico catalano per la Juve, es. Sky); dall’altro, c’è chi invece ritiene ancora possibile una conclusione dell’affare e arriva in alcuni casi addirittura a darlo per fatto: un’agenzia generalista, uno speaker radiofonico, uno showman televisivo. La verità? No, non sono qui per alzare il braccio al…

  • Approfondimenti

    Le Juventus di Allegri

    Il quinquienno di Allegri è lontano dall’essere un blocco monolitico d’ortodossia ideologica, ed assomiglia anzi più ad un prisma, che cambia colore a seconda dell’angolazione da cui lo si guarda. Con questo articolo vogliamo passare in rassegna i momenti tattici più significativi dell’ultimo lustro bianconero, che fondono colpi di genio e difficoltà dell’ultimo Allegri. 2014/2015 – Labor limae di Andrea Lapegna Quando Massimiliano Allegri prende per mano la Juventus nel luglio 2014, trova una squadra dalla forte identità tattica. La dirigenza ha messo mano alla rosa in maniera minimalistica, aggiungendo ad un gruppo ritenuto maturo e formato solamente l’acquisto di Morata e quello di Evra. Se l’eredità emotiva di Antonio…

  • Corto muso (Kantor)

    Corto Muso 3 – History alone

    Max Allegri mi mancherà. Nella mia lunga vita solo una volta sono stato una vedova di un giocatore, Zidane, e non so se Max si aggiungerà a questo mio pantheon personale. Ma sicuramente è l’allenatore la cui idea di calcio si avvicina di più alla mia, almeno al momento attuale. In un mondo in cui, per quasi tutti quelli che parlano del fenomeno, il calcio è diventato quasi solo tattica (gli adaners insomma…) io continuo a coltivare una visione diversa. Ma la freccia del tempo va in una sola direzione e Allegri non è più l’allenatore della Juventus; quindi da ora in poi bisognerà parlare di altro. Più precisamente mi…

  • Opinioni personali

    Fenomenologia di una separazione

    Quando ormai si attendeva un esito positivo dei vari vertici avuti fra società e allenatore, con un rinnovo del contratto del tecnico, la Juventus ha spiazzato molti comunicando la decisione di separarsi da Max Allegri. I motivi che hanno portato a questa decisione sono vari, a cominciare dalla questione relativa al rinnovo del contratto. Allegri era infatti legato al club bianconero da un accordo in scadenza al termine della prossima stagione. Al momento di intavolare la discussione sul come condurre la prossima campagna nazionale ed europea, il tecnico livornese avrebbe chiesto due anni di prolungamento ed un aumento dell’ingaggio che lo collocasse fra gli allenatori più pagati d’Europa. L’alternativa di restare col…