• Opinioni personali

    Le migliori giocate del 2018 bianconero

    Quattro giocate per celebrare quattro momenti-clou dell’anno che si sta chiudendo. di Michele Tossani A mio avviso la miglior giocata juventina del 2018 è quella che ha visto protagonista Cancelo nella partita contro l’Inter in questa stagione 2018/19. In questa giocata è riassunto molto della sapienza tecnica dell’esterno portoghese: finta di corpo, palla spostata con la suola e poi portata in avanti con l’interno del piede destro. Il tutto compiuto in pochi attimi e con una conseguenza che tutti coloro che amano i funambolismi calcistici non possono che apprezzare: l’avversario diretto, in questo caso Asamoah, finisce per terra. Una finta che mi ricorda le giocate del miglior Zola dei tempi…

  • Approfondimenti,  Opinioni personali

    Lavagnetta tattica: focus Dybala

    Il risultato non deve mai far dimenticare l’analisi, e certamente non può far sì che la nostra curiosità rimanga insoddisfatta. Per questi motivi è importante sottolineare che la Juventus vista contro l’Inter è una squadra perfettibile, in molti se non tutti gli aspetti del gioco, ed è nostro esercizio scavare per portare tali aspetti alla luce. La Juventus ha complessivamente giocato col freno a mano tirato, e al netto di alcune ottime prestazioni individuali – Bentancur, Cancelo, Chiellini – l’armonia generare ha risentito di qualche imperfezione. Uno degli strumenti meno accordati al contesto è stato Paulo Dybala, la cui performance ha fatto inarcare più d’un sopracciglio. Ed effettivamente l’argentino non…

  • Opinioni personali

    Cinque domande sugli ultimi cinque minuti

    l termine di una partita dominata in lungo e in largo, la Juventus esce con i primi gol subiti in questa Champions League, e soprattutto una prima – stranissima – sconfitta stagionale. Ancora più dolorosa perché inaspettata e sorprendente per l’andamento della partita. I cinque quesiti proposti di seguito sono quelli che affollavano la mia mente prima di addormentarmi col peso sullo stomaco di una sconfitta che fa rosicare, forse condizionate da un Twitter alla disperata ricerca da teste da far rotolare.   La Juventus non sa più difendersi bassa? Con l’ingresso di Barzagli per (un ottimo fin lì) De Sciglio, Allegri ha manifestato l’intenzione di passare al 3-5-2 con…

  • Approfondimenti,  Opinioni personali

    Inter-Genoa, i cori anti Napoli, il velo d’ipocrisia e le sanzioni difformi

    Sabato 3 novembre allo stadio San Siro si è giocata Inter-Genoa. La vittoria dei nerazzurri non è mai stata in discussione con la squadra di Spalletti che resta al secondo posto in compagnia del Napoli ed è attualmente a sei punti dalla Juventus prima in classifica. Nelle ore successive, e il giorno dopo, le polemiche sui social e sui media si sono principalmente soffermate sul presunto fuorigioco in occasione della prima rete di Gagliardini ripetendo quello che è un classico italiano in cui si parla assai poco di calcio giocato e moltissimo, troppo, di moviole. In pochi hanno invece evidenziato quanto accaduto attorno al ventitreesimo minuto del primo tempo, quando…

  • Approfondimenti,  Opinioni personali

    Dai piedi di Szczęsny

    Abbiamo parlato diffusamente e con gioia del nuovo corso tecnico e tattico della capolista. Ma della Juventus che ha abbracciato i nuovi principi di gioco di quest’inizio di stagione, Wojciech Szczęsny è forse il protagonista più silenzioso. Un po’ per indole personale, un po’ per il ruolo, il portiere polacco è stato tralasciato dai più quando si è parlato del nuovo corso tecnico, ma si è comunque reso protagonista del rinnovamento della squadra. Quando Szczęsny sbarcò a Torino per quella stagione di transizione all’ombra di Buffon, lo descrivemmo come un portiere dalle buone capacità tecniche palla al piede, e prevedemmo un contributo maggiore della sua posizione alla fase di impostazione.…

  • Analisi tattica,  Opinioni personali

    Perché la Juventus d’Allegri ora gioca così

    Le avete sentite le parole d’Allegri prima della gara con l’Udinese? Ecco, nella mia testa, memore di quanto successo nel passato, anche recente, mi ero già preparato a una partita brutta tecnicamente, decisa da qualche episodio e giocata dei tanti fuoriclasse juventini. Una prestazione stile Crotone, Benevento, Spal: l’ultima prima della pausa Nazionali, l’ambiente rilassato dopo una serie di convincenti e brillanti vittorie potevano creare il contesto perfetto per un abbassamento della tensione e della qualità del gioco. Invece no, quella d’Udine è stata una prova di forza che sorprende per la straordinaria naturalezza con la quale è arrivata, dimostrando il divertimento e la passione con la quale i giocatori…

  • Opinioni personali

    Il primo tempo di Valencia

    Erano anni che non si vedeva un esordio in Europa così convincente da parte della Juventus. La prestazione col Valencia è ricca di personalità, figlia della mentalità vincente, di una durezza capace di andare oltre gli episodi più sfortunati, di un’esperienza che porta a saper gestire al meglio gli sbalzi emotivi, ma è stata soprattutto una dimostrazione della qualità dell’organizzazione della squadra di Allegri, capace di controllare tutto il primo tempo, tenendo a bada la sfuriata iniziale degli spagnoli, per poi colpire sfruttando più volte i punti deboli. I primi 45 minuti sono allo stesso tempo un punto d’arrivo e una base di partenza per la stagione che sarà: la…