Che vuol dire che la Juve non ha intensità?7 min di lettura

Ultimamente la Juve non è riuscita a dare continuità all’applicazione della sua fase di non possesso: è mancata nell’intensità mentale. Atalanta e Sassuolo ne hanno approfittato per metterne in risalto i difetti quando i bianconeri erano senza palla, sia durante le fasi di pressing che durante le situazioni di difesa posizionale.

Non basta l’ottima organizzazione data da De Zerbi alla sua squadra per spiegare quanto a tratti si è visto in campo al Mapei Stadium. Il Sassuolo oggi è certamente una realtà del calcio italiano, squadra ben allenata, che fa del gioco di posizione il suo credo: notevole capacità di creare e attaccare gli spazi; identità definita e precisa; nessuna paura a mettere in campo le idee dell’allenatore, costruzione dal basso articolata e finalizzata ad attrarre la pressione avversaria per destrutturarla. Che il Sassuolo potesse vincere la sfida del possesso palla era nelle previsioni (57% per i padroni di casa) e anche la PPDA (l’indice che misura l’intensità del pressing) era attesa essere più alta della media stagionale. La partita con il Sassuolo ha definitivamente messo in evidenza l’incapacità di dare continuità da un punto di vista dell’applicazione mentale nell’eseguire le consegne durante la fase di non possesso, con periodi piuttosto lunghi, difficilmente visti quest’anno. Il pressing quest’anno ha funzionato troppo poco, e per lunghe fasi la squadra rimane troppo passiva non applicandosi né nelle fasi in cui stava alta né in quelle in cui era costretta a fare difesa di posizione. In un contesto non favorevole, le iniziative individuali hanno contribuito fortemente ad acuire le difficoltà. Ad esempio, nell’ultima uscita, alcuni giocatori si sono avventurati in azioni di pressione individuale lasciando liberi gli spazi che i giocatori del Sassuolo andavano sapientemente a riempire, innescando una serie di errori a catena.

La PPDA misura il numero di passaggi consentiti agli avversari prima di intraprendere un’azione difensiva: più è basso il valore, più intenso il pressing. La Juve è mancata nel pressing, andando ben al di sopra quelli che sono i suoi valori medi. Il Sassuolo dal suo canto è riuscito ad essere intenso durante quasi tutta la gara.

Cosa dovrebbe fare la Juventus?

La fase di possesso degli avversari va aggredita come nei primi 10 minuti contro il Sassuolo o contro il Milan. La ritrovata aggressività nel finale dell’ultima gara testimonia come quello della Juve non sia tanto un problema di condizione atletica quanto di testa.

Nei primi minuti la Juve riesce a portare il pressing con la giusta intensità. Gli appoggi e le linee di passaggio sono marcate. C’è alta densità di uomini in zona palla.
La trappola predisposta in fascia permette il recupero palla, grazie all’aggressività dei terzini.
La Juve riesce a mantenere la parità o anche la superiorità e si dimostra molto applicata nell’azione di recupero.
Nella parte finale della gara, la Juve torna a essere aggressiva con i terzini e a riportare densità in zona palla. Nonostante le forze inizino a mancare c’è predisposizione a proteggere lo spazio e nel caso i giocatori siano in ritardo, la pressione non viene portata, piuttosto si controlla la zona.
La Juve ha ripreso ad esercitare il pressing e lo fa nel modo corretto marcando appoggi e linee di passaggio.
L’azione di pressione esercitata da Ronaldo e Costa, porta il Sassuolo a forzare la giocata. Rabiot molto alto provvederà al recupero.
Rabiot non abbandona l’azione di pressing e consente un recupero sulla trequarti avversaria.

Cosa non si deve fare.

La nota dolente della gara sono stati i 60 minuti in mezzo, dove la Juve ha completamente staccato la spina nella fase di non possesso. Un atteggiamento del genere è inaccettabile, soprattutto se di colpo si torna a fare quello che si dovrebbe.

L’assenza di marcatura e il ritardo nel portare la pressione espongono la difesa a situazioni che diventano ingestibili.
Bentancur in ritardo si avventura in una pressione che non porterà a nulla di buono. Il risultato è scoprire il centro che verrà sapientemente occupato da Berardi.
L’azione di adattamento di Chiellini è in ritardo. La linea di difesa è rotta, e alle spalle del capitano bianconero si apre una voragine. De Ligt non può marcare ma deve coprire, mentre Sandro in maniera passiva cerca di fare una diagonale.
Il risultato è assenza di marcature e spazio facilmente attaccabile, per Berardi sarà molto semplice presentarsi davanti al portiere.
Dopo il 2-0 la Juve ha continuato a pressare alta ma senza convinzione. La passività mentale ha permesso al Sassuolo di uscire in maniera indisturbata. Un lavoro notevolmente semplificato dall’atteggiamento dei giocatori bianconeri che una volta iniziato il pressing lo lasciavano incompiuto.

Trovare una spiegazione ad un atteggiamento del genere è molto difficile. In questo periodo particolare e con avversari abituati a giocare, un 2-0 dopo 10 minuti non deve dare nessuna garanzia. E, come ci insegna la partita con il Milan, non può dare garanzie nemmeno dopo 60 minuti. L’intensità mentale e l’applicazione necessaria non possono sparire per tratti cosi lunghi di una gara. La Juve quest’anno è una squadra pensata e allenata per fare determinate cose, e non ha vie di mezzo: quando ci riesce gioca molto bene, ma va in grossa difficoltà quando non le fa. Contro la Lazio e anche nelle successive partite è necessario, alzare il livello prestativo da un punto di vista mentale: sta a Sarri insistere sul concetto, sta ai giocatori trovare le giuste motivazioni per farlo in campo.