Ronaldo

È stata colpa di Ronaldo o della Juve?

Premetto che non ho percepito le parole di Bonucci e Chiellini come un attacco a Ronaldo. Le ho commentate nella chat Telegram leggendole più come un’autocritica che un atto d’accusa. Penso sì che non siano state casuali, né quelle né quanto scritto su alcuni giornali (il timing è quello da discorsi preparati, coordinati), ma ritengo che lo scopo non fosse incolpare qualcuno, quanto piuttosto spiegare l’operazione di restauro dello spogliatoio...

Continue reading...

Moise Kean reloaded

Dopo la cessione negli ultimi giorni di mercato di Cristiano Ronaldo al Manchester United, la Juventus era chiamata inevitabilmente a rafforzare il pacchetto offensivo, consapevole allo stesso tempo di non poter sostituire appieno in pochi giorni un terminale offensivo da 100 gol in tre anni. In poco tempo la dirigenza bianconera si è orientata su Moise Kean che ritorna in bianconero in prestito biennale con obbligo di riscatto al verificarsi...

Continue reading...

RONALDO OUT #1 – Come lo abbiamo sfruttato in campo?

Dalla “Juve di Manchester” (ottobre 2018) a “Ronaldo a Manchester” (agosto 2021). Una parabola, un’era. Questa felice sintesi del nostro amico Francesco Gioffredi rappresenta il triennio di Cristiano Ronaldo alla Juventus, acquistato per portare la squadra di Agnelli al vertice della Europa vincendo la Champions League. Come è andata a finire lo conosciamo ed è cronaca di questi giorni, ma quello che giustamente viene definito come un fallimento tecnico nasce...

Continue reading...

La Juventus e le scelte di fine ciclo

Ovvero perché la Juventus ha bruciato tutto il vantaggio e la necessità di avere un allenatore in grado di creare valore e dare certezze. Sono un tifoso della Juventus. Domenica stavo male. Mi veniva da piangere, perché perdere in casa col Benevento giocando così male è qualcosa che ti stringe il cuore. Chiaramente è l’immagine della fine di un ciclo, almeno in Italia, perché in Europa fatichiamo tremendamente da tre...

Continue reading...

Cosa raccontano le prestazioni della Juventus

Piutost che nient, l’è mei piutost. Come si dice a Milano, piuttosto che niente, meglio piuttosto. Un brodino caldo che visto il freddo di questi giorni male non fa. Le partite della Juventus vivono di continui alti e bassi, contrassegnate da una totale mancanza di continuità che rappresenta l’assoluto punto debole della squadra di Pirlo Sappiamo tutti che è complicato, che è difficile, che non c’è stato il classico periodo...

Continue reading...